Categorie
presentazione

La Libertà di Sara

Cosa ci fa una giurista, o almeno aspirante tale, in un festival in cui è necessario usare la fantasia e uscire dagli schemi? Cosa c’è di più asettico del diritto? Eppure eccomi qui…

Sono Sara e studio Giurisprudenza. Cosa ci fa una giurista, o almeno aspirante tale, in un festival in cui è necessario usare la fantasia e uscire dagli schemi? Cosa c’è di più asettico del diritto? Ebbene, non penso di essere in grado di rispondere a queste domande, ma forse venire a Scambi vi aiuterà a scoprirlo.

Nel frattempo c’è una massima che mi piace molto e che fa al caso nostro (premetto che non so chi sia stato il primo a coniarla e che è un po’ abusata): “La nostra libertà finisce dove inizia quella di un altro”.

Ecco, il diritto è proprio questo: una regola per scambiare libertà. Il diritto per me è scambio: scambio tra individui, tra l’individuo e lo Stato, tra gli organi dello Stato, tra Stati. Il diritto non è perfetto, nel senso di concluso ed ineccepibile, ma è in continuo movimento ed evoluzione proprio perché deve esistere in un mondo che cambia e deve esistere per questo mondo, deve garantirne la Libertà.

Quando ho ricevuto la telefonata che mi invitava a far parte dello staff di Scambi è alla libertà di incontrarsi, conoscersi e scambiarsi che ho pensato: libertà che può esservi solo nella legalità, nel significato più alto e puro di questo termine.

Per questa ragione una delle prime associazioni che sono state coinvolte in Scambi è stata proprio “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”. Dal 1995 Libera agisce sul territorio nazionale (e non solo) per fare memoria delle vittime innocenti di mafia, sempre accompagnata dall’impegno per la legalità e per la giustizia sociale. Un impegno che si concretizza anche, e non solo, nell’organizzazione dei campi E!State Liberi, i cui partecipanti prendono parte ad attività di formazione e di “lavoro” secondo le peculiarità di ogni campo. Grazie a questa collaborazione, Scambi ha avuto l’opportunità di diventare uno di essi: i partecipanti faranno parte dello staff di Scambi per qualche giorno, e condivideranno con noi tutte le emozioni del festival.

Se volete saperne di più, non vi resta che venire a Scambi!

Di Alessandro

Alessandro (Ale, per gli amici) è uno studente di Ingegneria Informatica al Politecnico di Torino. Amante dei viaggi e della musica, per venti minuti al giorno riesce addirittura a fare la persona seria. È sufficiente metterlo a suo agio per abbattere la sua timidezza. Nell'ambito del nostro progetto, si occupa di gestire il nostro sito da ogni suo punto di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.